Venezuela, esercito controlla cibo e popolazione soffre fame

17 gennaio 2017
maduro20112014

di Luca Mershed

Quando la fame ha attirato decine di migliaia di venezuelani in piazza in segno di protesta la scorsa estate, il presidente Nicolas Maduro si è rivolto ai militari per gestire l’approvvigionamento alimentare del Paese, mettendo i generali a capo di tutto, dal burro al riso.

Ma un’indagine di Associated Press mostra che invece di combattere la fame, i militari hanno voluto solo trarre profitto dalla situazione. Per esempio i militari hanno allestito dei mercati illegali dove vendono i prodotti – alcuni diventati di difficilissima reperibilità- 100 volte più cari rispetto ai prezzi stabiliti dal Governo.

Con gran parte del Paese sull’orlo della fame e miliardi di dollari in gioco, il traffico di cibo è diventata una delle più grandi imprese in Venezuela. Dai generali ai semplici soldati, l’esercito è al centro della corruzione, secondo dei documenti e delle interviste con più di 60 funzionari, imprenditori e lavoratori, di cui cinque ex generali. Di conseguenza, il cibo non raggiunge chi ne ha più bisogno.

“Ultimamente, il cibo è un business migliore rispetto ai farmaci”, ha detto il generale in pensione Cliver Alcala, che ha contribuito a sorvegliare la sicurezza dei confini del Venezuela. “L’esercito è responsabile della gestione del cibo ora”.

Dopo che l’opposizione aveva tentato di rovesciarlo, il defunto Presidente, Hugo Chavez, aveva iniziato a consegnare il controllo all’esercito sull’industria alimentare creando un Ministero per il Cibo nel 2004. Il suo Governo aveva nazionalizzato le aziende agricole a conduzione socialista e gli impianti di trasformazione alimentare per poi abbandonarli facendo prosciugare la produzione interna.

Gli esportatori di petrolio del Venezuela sono diventati dipendenti dalle importazioni di prodotti alimentari, ma quando il prezzo del petrolio è crollato nel 2014, il Governo non poteva più permettersi tutto ciò di cui il Paese aveva bisogno.

Il razionamento del cibo è cresciuto in modo così grave che i venezuelani trascorrono, a volte, tutto il giorno per avere da mangiare. I reparti pediatrici si sono riempiti con bambini sottopeso mentre gli adulti della classe media hanno iniziato a raccogliere gli scarti del cibo nei cassonetti. Quando le persone hanno risposto con proteste di piazza violente, Maduro ha consegnato il controllo sul resto della distribuzione alimentare ai generali, così come i porti del Paese.

Il Governo, ora, importa quasi tutto il cibo del Venezuela e la corruzione è dilagante causando l’aumento dei prezzi e delle carenze di prodotti alimentati.

La relazione annuale del Ministero per il Cibo mostra un eccesso significativo dei prezzi su tutta la linea, rispetto ai prezzi di mercato.

“La cosa incredibile di ciò è che il Governo dipinge la situazione come una forma pulita di corruzione”, ha detto il legislatore dello Stato di Carabobo, Neidy Rosal, che ha denunciato centinaia di casi legati al furto di cibo da parte del Governo del valore di milioni di dollari. “È come eseguire il traffico di droga in pieno giorno.”

Mettendo i militari in carico del cibo, Maduro sta cercando di impedire che i soldati soffrano la fame e siano tentati di partecipare ad una rivolta contro un Governo sempre più impopolare, ha detto il generale in pensione Antonio Rivero. L’esercito del Venezuela ha una lunga storia di colpi di Stato contro i Governi e Maduro ha arrestato diversi funzionari con l’accusa di aver cospirato contro di lui.

“Hanno dato il controllo assoluto ai militari”, ha affermato Rivero in esilio da Miami. “Questo ha drenato il sentimento di ribellione da parte delle forze armate permettendo loro di sfamare le proprie famiglie”.

L’ufficio stampa del Ministero della Difesa ed il Presidente si sono rifiutati di rispondere alle ripetute chiamate, e-mail e lettere consegnate a mano con la richiesta di una soluzione. In passato, i funzionari hanno accusato l’opposizione di esagerare il problema della corruzione per avere un rendiconto politico. Hanno sempre sottolineato che la struttura gerarchica dei militari è ideale per combattere i veri colpevoli: gli uomini d’affari di destra che cercano di far cadere l’economia.

Eppure la corruzione persiste, dal porto ai mercati, secondo le decine di persone che lavorano a Puerto Cabello, la città che gestisce la maggior parte delle importazioni di prodotti alimentari del Venezuela.

Aldemar Diaz, un ufficiale della dogana ha spiegato che le tangenti sono necessarie anche per qualsiasi lavoro di ufficio e possono superare i $ 10.000 per un contenitore singolo di spedizione.

Luis Pena, direttore operativo della base operativa di Caracas per le importazioni della Premier Foods, ha comunicato che esiste un lungo elenco di funzionari militari corrotti per ogni spedizione di cibo che porta in e da le aziende di piccole dimensioni negli Stati Uniti.

“Ora li devi pagare anche per guardare solamente il vostro carico” ha detto. “È una catena ininterrotta di corruzione da quando la nave arriva fino a quando il cibo è collocato nei camion”.

Il tenente Miletsy Rodriguez, che è a capo di un gruppo di guardie nazionali di sicurezza del porto, ha sottolineato che le persone sono solo alla ricerca di un capro espiatorio tra i militari.

“La maggior parte di noi sta facendo del proprio meglio. E, prima o poi, ci prenderemo le persone che non stanno facendo il lavoro giusto”, ha confermato.

A Puerto Cabello, i residenti affamati hanno riferito che si nota come i soldati corrotti stanno prendendo il cibo nei piatti dei loro figli.

Pedro Contreras ha raccontato di aver visto più di 100 camion che trasportavano grano sulla strada principale e di essersi avvicinato velocemente in mezzo al traffico per raccogliere i noccioli che erano saltati fuori. In quella notte aveva in mente la sua libra in farina di mais per sfamare la sua famiglia.

“L’esercito è sempre grasso, mentre i miei nipoti sono denutriti”, ha affermato. “Tutto il cibo del Venezuela viene da qui, ma così poco di esso va a noi”.