Evidenza

La rivolta dimenticata del Bahrein, cinque anni fa

l43-giornalisti-guerra-140813184432_medium

di Riccardo Noury*

Abdelkarim al-Farkhawi, 49 anni, fondatore di Al Wasat, uno dei pochi organi d’informazione indipendenti del Bahrein, morì di tortura, nell’aprile 2011. Due uomini dell’Agenzia per la sicurezza nazionale, condannati per il suo omicidio, sono già tornati in libertà. Nazeeha Saeed, giornalista indipendente, nel maggio 2011 fu torturata con la corrente elettrica, picchiata con un tubo di plastica, presa a calci e pugni.  Un agente la costrinse a infilare la testa dentro il gabinetto. Indagine chiusa per insufficienza di prove.

…Leggi tutto »

La tua morte, Giulio, fa riflettere

lutto-Giulio-Regeni

di Cristiano Degano e Alessandro Martegani*

Nessuna morte è più importante di altre, ma la tua fa riflettere”. Queste parole, pronunciate con la voce rotta dalla commozione da uno degli amici di Giulio Regeni nel corso del funerale del giovane ricercatore di Fiumicello, riassume un sentimento condiviso da tutte le centinaia di persone presenti alla cerimonia, da tutto il paese, e anche da tutti i giornalisti italiani.

Anche l’Ordine dei giornalisti e l’Assostampa del Friuli Venezia Giulia, assieme alla Fnsi, erano presenti alla cerimonia che ha dato l’ultimo saluto a Giulio Regeni.

Pur non essendo “formalmente” un giornalista iscritto all’Ordine, Giulio lo era di fatto svolgendo il principale compito della nostra professione: raccontare e analizzare la verità, anche quella scomoda, e consentire ai cittadini di crearsi un’opinione consapevole.

Dottorando e autore di corrispondenze per alcuni media, ancorché sotto pseudonimo, stava realizzando al Cairo inchieste che ricostruivano molti angoli bui di quel paese e, probabilmente, proprio per questo è stato torturato e ucciso.

Una vicenda che ha unito tutto il paese proprio per quello che Giulio rappresenta: una nuova generazione di giovani cittadini che, nonostante la crisi, le difficoltà crescenti dalla società globalizzata, sta cercando di costruire il nostro futuro con competenza, passione, coraggio, non esitando a lasciare casa e affetti, e talvolta, come in questo caso, rischiando anche la vita.

Di fronte a tragedie di questo tipo dobbiamo riflettere, assumerci alcuni impegni: nell’immediato dobbiamo alimentare, con il nostro lavoro quotidiano, la ricerca della verità sugli assassini di Giulio. Soprattutto però dobbiamo ricordare sempre che è nostro dovere non lasciare soli questi ragazzi, garantendo loro la possibilità di formarsi a scuola e sul lavoro, con istruzione, condizioni di lavoro e retribuzioni dignitose, riconoscendo i loro meriti, consentendogli di fare esperienza all’estero, e poi magari di tornare per rendere migliore il nostro paese, difendendoli dalle minacce e da coloro che cercano d’impedire con ogni mezzo la libera circolazione delle informazioni.

L’impegno del sindacato, dell’Ordine e di tutti i colleghi non deve fermarsi. Rispettando le richieste di discrezione e la dignità della famiglia è nostro dovere ricordare l’esempio di Giulio Regeni con delle iniziative dedicate soprattutto a coloro che ogni giorno s’impegnano per garantire una corretta informazione ai cittadini, anche a rischio della propria vita. Ordine e sindacato dei giornalisti vogliono anche rendere omaggio a Giulio, e intendono farlo con ulteriori iniziative comuni da concordare con i suoi familiari.

 

*Cristiano Degano, Presidente Ordine dei giornalisti FVG

*Alessandro Martegani, Segretario Assostampa FVG

Giulio Regeni e i suoi coetanei, in viaggio per scelta

lutto-Giulio-Regeni

di Alessandra Tarquini

In questi giorni mi sono trovata a leggere alcuni articoli sulla meglio gioventù del nostro paese. Pezzi purtroppo nati dalla terribile notizia della morte di un ricercatore, Giulio Regeni, in Egitto.
 Ho ragionato su questa meglio gioventù, ho sentito alcuni sospirare e dire “era in Egitto perché l’Italia non offre più nulla ai nostri talenti e li lascia scappare via”.
 Non credo sia cosi.
 Credo invece che Giulio fosse esattamente nel posto dove voleva essere. Dove aveva scelto di andare, dove erano necessario stare per fare ricerca, per continuare i suoi studi che avevano come oggetto l’Egitto.

…Leggi tutto »

La Meglio Gioventù, lasciata sola. Verità e giustizia per Giulio Regeni!

Verita e giustizia per Giulio Regeni

di Paola Caridi

Riprendiamo dal sito www.invisiblearabs.com la riflessione che Paola Caridi ha pubblicato all’indomani del ritrovamento del corpo di Giulio Regeni. Una riflessione che arriva da una profonda conoscitrice dell’Egitto e del Medio Oriente, che ci aiuta a capire e a illuminare cosa accade in quel paese, nell’ipocrita indifferenza di noi tutti. Vogliamo così unirci a quanti hanno già chiesto e chiedono verità e giustizia per Giulio Regeni e continueremo a tener accesa la luce sull’inchiesta sul suo omicidio, sulle persecuzioni contro attivisti, blogger, giornalisti e ricercatori in terra egiziana

 

Stavo pensando a Islam Gawish, appena tre giorni fa. Uno dei più noti vignettisti egiziani, arrestato così, senza capi di imputazione, dai servizi di sicurezza del regime di Abdel Fattah Al Sisi. Lo hanno portato via, sottoposto a un lungo interrogatorio. Forse per l’amministrazione della sua pagina Facebook. Per Islam Gawish si è mobilitata immediatamente la Rete, internet, egiziano e internazionale, chiedendo conto di quello che si stava facendo al Cairo. Islam è forse il vignettista più noto in Egitto. Vignettista, disegnatore satirico: una specie che esiste, eccome se esiste nel mondo arabo, anche se noi pensiamo che esista solo la nostra abilità dissacrante di ridere su qualsiasi cosa. A Islam Gawish è andata bene, è stato rilasciato dopo meno di un giorno. Tutti temevamo che gli fosse toccata la stessa sorte di moltissimi ragazzi egiziani. Migliaia, decine di migliaia di ragazzi in carcere, torturati, molti ammazzati: gli stessi ragazzi egiziani che hanno elaborato una vera e proprio rivoluzione culturale negli ultimi dieci anni. Un decennio a metà del quale, e non per caso, è esplosa la rivoluzione di piazza Tahrir.

Pensavo qualche giorno fa a Islam Gawish, e ai tanti, tantissimi che languono in galera, e mi veniva voglia di scrivere un post sulla “meglio gioventù” egiziana. Ragazzi coraggiosi, resilienti, sorridenti. Ragazzi che non abbiamo difeso.

E poi, accanto a Islam Gawish, quasi sovrapposto, Giulio Regeni irrompe nella cronaca. Sui social, e soprattutto sui nostri quotidiani, in genere disattenti a tutto ciò che succede nella Cairo delle strade, della metro, delle carceri, delle stazioni di polizia. Informazione più attenta agli interscambi tra Italia ed Egitto, alle bilance commerciali, alle possibilità delle imprese italiane di tornare a investire in Egitto, a quanto sono amici i nostri Paesi. Come se nulla, di tragico, sanguinoso sia successo in questi 5 anni…

Irrompe la faccia sorridente, resiliente, coraggiosa di Giulio Regeni nelle fotografie che riempiono il web. Coetaneo di Islam Gawish. Stessa generazione. Una generazione tanto coraggiosa quanto invisibile, a noi. E a essere sconosciuto non è solo Islam il vignettista. Lo è altrettanto Giulio Regeni, dottorando della Cambridge University, visiting scholar della prestigiosa American University del Cairo. È l’università in cui per anni ha insegnato il più grande esperto di sindacati e classe operaia egiziana, Joel Benin. E dei diritti del lavoro si stava occupando Giulio Regeni, un argomento delicato non solo negli anni più recenti, ma anche verso il 2005, quando il regime di Hosni Mubarak cominciò a scricchiolare proprio con le proteste sindacali di Mahalla el Kobra.

Giulio Regeni è diventato visibile all’informazione nel momento esatto della sua assenza conclamata. Singolare, vero? Dei Giulio Regeni al Cairo, a Beirut, a Tunisi, in Kenya nessuno (o quasi) si interessa. Chiamarli ‘cervelli in fuga’ non ha neanche tanto senso. Alcuni sono i cervelli italiani che abbiamo cacciato dal Paese perché non abbiamo dato loro opportunità pari alla loro preparazione. Altri sono nel nuovo dna veri e propri cittadini del mondo: vanno con fatica lì dove vogliono andare, sono talmente bravi che trovano un dottorato a Cambridge, hanno un’etica, credono in un mondo in cui i diritti umani e civili non possono essere a corrente alternata.

Sono la “meglio gioventù” italiana. Così simile alla “meglio gioventù” egiziana. Legata, in comunicazione, oltre le facili letture e gli stereotipi a cui si abbeverano i politici nostrani. Forse simile alla “meglio gioventù” francese, tedesca, inglese, tunisina, siriana, palestinese.

Sono l’ultimo settore delle nostre comunità all’estero: fanno fatica ad arrivare alla fine del mese, sono felici, scrivono, si interrogano, conoscono bene il paese dove vivono, spesso lo amano.

Di loro l’informazione italiana saprà di più nel momento stesso in cui Giulio Regeni è stato ucciso. Non è “morto”, come hanno scritto subito le fonti d’informazione. È stato ucciso. Non si per mano di chi. Forse si sa come. Un colpo in testa, dice l’autopsia. Chi l’ha fatta, l’autopsia? Era presente un medico di fiducia dello Stato italiano? Non è un dettaglio. Ci sono ragazzi egiziani ora in galera che stanno pagando caro l’aver chiesto l’autopsia delle vittime della strage del Maspero, al centro del Cairo. Era la fine di ottobre 2011, e chiedere l’autopsia delle vittime voleva dire individuare subito i responsabili.

L’ambasciata ha fatto un passo buono, molto buono. Chiedere che la salma di Giulio Regeni fosse portata al nostro ospedale, l’Ospedale Italiano del Cairo, uno di quei luoghi che vanno oltre la loro memoria e continuano a essere importanti per la comunità. Solo un primo passo. Un primo passo, in una storia in cui la priorità è proteggere la dignità e la storia di Giulio Regeni. Non solo oggi, non solo domani. Anche fra qualche giorno, settimana, mese. Quando calerà l’attenzione, e magari si sovrapporranno ipotesi di comodo.

«Boko Haram non è un problema solo africano»

Jean Leonard Touadi

di Gian Mario Gillio
Intervista a Jean Léonard Touadì, politico, accademico, scrittore e giornalista italiano, originario della Repubblica del Congo, oggi consulente al Ministero degli Affari Esteri.
Ancora una strage in Nigeria per mano del gruppo Boko Haram. Cosa si vuole ottenere con tanto spargimento di sangue?
«L’ennesimo attentato di Boko Haram, di una ferocia inaudita, evidenzia la recrudescenza di violenze che devono necessariamente essere inserite in un contesto più ampio. È un evidente tentativo di destabilizzazione di un’intera area che, dalla Nigeria attraversa il Ciad, il Camerun e il Niger.

…Leggi tutto »

I bimbi in fuga continuano a morire, e noi cosa facciamo?

Seven people from Pakistan arrive on the Greek island of Kos after rowing all night.

Di Andrea Iacomini (Portavoce Unicef Italia)

Sono un cittadino italiano, un padre prima di tutto e poi il portavoce in Italia della più grande agenzia mondiale per la tutela dell’infanzia, l’UNICEF. Oggi penso che non possiamo più assistere né accettare che circa 20 bambini muoiano nel mare Egeo senza far nulla, davanti ai nostri occhi, è il fallimento di tutto, è contro ogni diritto civile, un crimine contro l’umanità oltre che una palese violazione della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza che tutti i Paesi del mondo hanno ratificato.

…Leggi tutto »