News

Milano, politica e mondo della cooperazione a confronto

DQHrBllXcAEwh3Z.jpg large

Si è svolto a Milano, il 2 e il 3 dicembre nella sede della Fondazione Stelline, un forum sulla cooperazione internazionale allo sviluppo che ha visto a confronto politica, addetti ai lavori e società civile.
Il forum, promosso dal senatore del Partito democratico Roberto Cociancich, responsabile del Dipartimento della cooperazione e sviluppo, è stato soprattutto l’occasione per affermare la necessità di inserire in modo corretto il dibattito sulla cooperazione all’interno del quadro politico italiano e di farlo attraverso la costituzione di un solido rapporto con tutti gli attori operanti in quest’ambito, così come previsto dalla legge 125/2014.

…Leggi tutto »

Parte da Padova anno diritti umni

festival diritti umani 2016

Prende il via da Padova l’anno dei diritti umani. Il 4 e 5 dicembre si terranno nella cittadina veneta due giornate di formazione, informazione e ricerca. Un prete impegnato da 25 anni nell’accoglienza dei migranti, una donna garante dei diritti dei carcerati, un giornalista minacciato dalla criminalità organizzata inaugureranno lunedì prossimo l’evento promosso in occasione del 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo.
Con loro ci sarà la Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli insieme a oltre trecento insegnanti, studenti, amministratori locali, giornalisti, esponenti di organizzazioni della società civile provenienti da tutt’Italia, rappresentanti del Sacro Convento di San Francesco d’Assisi e della Basilica di Sant’Antonio da Padova, dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, della Commissione Europea del Ministero degli Esteri.

La Conferenza di Inaugurazione si terrà presso l’Aula Magna “Galileo Galilei” dell’Università degli Studi di Padova (Palazzo del Bo) a partire dalle ore 9.30.

L’incontro, intitolato “In spirito di fratellanza” e dedicato al prof. Antonio Papisca recentemente scomparso, proseguirà anche martedì 5 dicembre. Saranno due giornate particolarmente ricche di idee, riflessioni, testimonianze e proposte dedicate alla formazione e alla progettazione di nuovi percorsi educativi centrati sui diritti ma anche sulle responsabilità personali e collettive che spesso vengono trascurate.

La Conferenza di Padova è organizzata in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca da: Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, Centro Diritti Umani “Antonio Papisca” dell’Università di Padova, Comune di Padova, Scuola di Alta Formazione EIS-LUMSA, Rete Nazionale delle Scuole per la Pace, Tavola della Pace, Cipsi, Banca Etica.

Con l’inaugurazione dell’Anno dei diritti umani, prende il via anche l’organizzazione della Marcia PerugiAssisi che si svolgerà domenica 7 ottobre 2018 per suscitare una mobilitazione straordinaria in favore della pace e dei diritti umani e contrastare violenze, guerre, terrorismo, discriminazioni e disuguaglianze.

Colloqui ‘senza pace’ in Siria

20170215_130631_D645D0B0.jpg_997313609

di Antonella Napoli*

Sahar aveva un mese. Yassin era nato da soli quindici giorni. Ahmed non ha mai visto la luce morendo nel grembo della madre che non mangiava da 5 giorni. Sono solo alcune delle ultime vittime del conflitto siriano, della fame e degli stenti a cui è sottoposta la maggior parte delle popolazioni dei villaggi e delle città sotto assedio in Siria di cui ci raccontano le storie i volontari di Msf e Unicef. Sahar, Yassin, Ahmed come Aylan, Omran e i tanti bambini – simbolo di una guerra che ha cancellato il futuro di un’intera generazione. Volti, storie strazianti, destinati all’oblio dopo aver fatto il giro del web. …Leggi tutto »

Il 14 novembre presentazione Rapporto “Illuminare le periferie”

save_date_illuminare

Sud Sudan, crisi alimentare senza fine

Rapporto_Sudan_2016

di Antonella Napoli

La stagione dei raccolti in corso in Sud Sudan non porrà fine alla fame poiché il conflitto persiste nella maggior parte del paese e l’iperinflazione mette il cibo fuori dalla portata di molti. E’ quanto afferma l’ultimo aggiornamento dell’ Integrated Food Security Phase Classification (IPC), il Quadro integrato di classificazione della sicurezza alimentare, N.d.T., diffuso a inizio novembre dal governo del Sud Sudan, dalla FAO, dall’UNICEF, dal WFP e da altri partner umanitari. …Leggi tutto »

Rotto il silenzio sui Rohingya

Htin Kyaw e  Aung San Suu Kyi. Photograph: Aung Shine Oo/AP

Il mondo ha finalmente aperto gli occhi sulla tragedia dei Rohingya e non sarà più possibile continuare a ignorare il massacro che l’esercito del Myanmar sta compiendo nel silenzio assordante di Aung San Su kyi, presidente dell’ex Birmania ma soprattutto premio Nobel per la Pace. Si è invece levata alta in queste ore la voce autorevole del segretario generale delle Nazioni unite, Antonio Guterres, che ha lanciato un appello alle autorità ex birmane affinché sospendano le operazioni contro i Rohingya, nello stato di Rakhine. …Leggi tutto »

Giornata del rifugiato 2017

darfur2

di Marina Schiavo

Oggi è la Giornata Mondiale del rifugiato, ricorrenza istituita il 4 dicembre del 2000 dall’assemblea Generale delle Nazioni Unite in occasione del cinquantennale del Convenzione di Ginevra che, nel 1951, definì lo status di rifugiato. Durante questa giornata l’Unhcr e le organizzazioni che si occupano di migranti e della difesa dei diritti umani celebrano la forza, il coraggio e la perseveranza di milioni di persone che non hanno altra scelta che fuggire per sopravvivere. …Leggi tutto »

Russia, marcia in ricordo Nemtsov

messico

di Luca Mershed

Migliaia di russi hanno sfilato nella capitale, Mosca, in memoria di Boris Nemtsov, uno dei leader dell’opposizione ucciso due anni fa, con la richiesta di ulteriori indagini sulla sua uccisione.

Nemtsov, ex vice Primo Ministro che è diventato un aperto critico del presidente Vladimir Putin, è stato ucciso nel febbraio 2015 mentre camminava su un ponte vicino il Cremlino con la sua ragazza ucraina.

A quel tempo, Nemtsov, 55 anni, stava lavorando su un rapporto in cui ha dimostrato il coinvolgimento diretto della Russia in una ribellione separatista che imperversa in Ucraina orientale dall’aprile 2014. Nonostante le prove portate dall’ex Primo Ministro, la Russia ha negato ogni accusa.

L’ascesa di Boris Nemtsov da scienziato di fisica quantistica a Primo Ministro riformista durante l’amministrazione del presidente Boris Eltsin è rimasta nella leggenda politica russa. Già come Governatore, aveva istituito riforme senza precedenti ed aveva permesso di raggiungere una crescita spettacolare a Nizhny Novgorod, una delle Regioni più economicamente depresse della Russia.

Da lì, ha volato sulle ali del successo ed ha accresciuto la sua popolarità a Mosca. A un certo punto della sua carriera politica, aveva pensato di candidarsi per la Presidenza, ma questo piano è stato bruscamente interrotto con la crisi valutaria del 1998 ed il successivo default della Russia, per cui è stato in parte accusato di averne avuto la responsabilità.

L’arrivo di Vladimir Putin al vertice dell’Olimpo politico della Russia aveva creato in Nemtsov, come in molti altri russi, una speranza per un futuro migliore dopo l’oligarchia di Eltsin. Questo ottimismo è appassito quasi immediatamente, quando Putin ha portato alla ribalta i vecchi oligarchi ed ha iniziato ad imbavagliare la stampa indipendente. Nemtsov ed il suo ideale liberale e filo-occidentale, da quel momento in poi, sono stati confinati dalla vita politica russa. Netmsov si è rifiutato di essere perseguitato in esilio ed ha iniziato ad intraprendere una crociata contro Vladimir Putin. Ha scritto molti rapporti feroci che indagano sui rapporti corrotti nella politica al monopolio energetico russo, Gazprom.

Nel 2011, ha contribuito ad organizzare, a Mosca, alcune delle più grandi manifestazioni nella storia post-sovietica della Russia, per protestare contro le elezioni legislative tenute in modo fraudolento. Come nativo di Sochi, ha criticato la volontà di tenere le Olimpiadi Invernali del 2014 in quella città sub-tropicale, definendo il tutto come un “progetto personale di Putin” ed un “piano di latrocinio senza precedenti”, relativo al fatto che decine di miliardi di dollari erano stati dirottati in offerte che coinvolgevano compari di Putin.

Dopo l’annessione della Russia della Crimea, era inevitabile che Nemtsov si sarebbe trovato nella prima linea delle barricate che protestavano l’aggressione del suo Paese contro una Nazione fraterna.

Questo fatto ha, probabilmente, segnato la decisione del Governo –secondo alcuni- di eliminare un personaggio scomodo come Nemtsov.

Al giorno di oggi ancora i fatti legati al suo assassinio rimangono oscuri ed i manifestanti di domenica scorsa a Mosca portavano ritratti di Nemtsov, bandiere russe e cartelli con slogan come “Russia senza Putin” chiedendo a gran voce luce sui fatti.

“Ci siamo riuniti qui per chiedere di portare gli assassini di Boris Nemtsov alla giustizia, non solo gli autori ma anche gli organizzatori ed i mandanti”, Ilya Yashin, un attivista dell’opposizione russa ed organizzatrice della marcia, ha detto all’agenzia di stampa Reuters.

Quando Boris Nemtsov è stato ucciso due anni fa, l’opposizione russa ha perso una delle sue figure politiche più interessanti e carismatiche.

La perdita di Nemtsov è stata, ovviamente, devastante per l’opposizione, ma fornisce, in realtà, l’unico punto di incontro, in questo momento, intorno al quale così tante persone si uniscono esprimendo la propria opinione per le strade.

Questo è un problema profondo e duraturo per l’opposizione che dice: “Ci siamo riuniti qui per chiedere riforme ed il rilascio dei prigionieri politici”.

La polizia ha stabilito il numero di manifestanti a 5.000, ma un gruppo di osservatori volontari ha detto che c’erano almeno 15.000 manifestanti.

Le autorità hanno bloccato diverse strade nel centro di Mosca per l’evento di domenica ed hanno circondato i manifestanti con recinzione in metallo sotto la sorveglianza della polizia.

L’evento si è verificato in gran parte senza incidenti, ma la polizia ha effettuato diversi arresti ed il leader dell’opposizione, Mikhail Kasyanov, è stato attaccato nel corso della marcia da uno sconosciuto che gli ha gettato del colorante verde in faccia.

Dopo la marcia, migliaia di persone sono andate a deporre fiori sul luogo dove è stato ucciso Nemtsov.

“È nei momenti come questo, in particolare per l’anniversario della morte di Boris Nemtsov, dove è possibile riunire l’opposizione e vedere come è forte il movimento”, ha affermato l’organizzatrice della marcia.

!Quello che stiamo notando in questo momento è che c’è ancora, ovviamente, un buon numero di persone dedite alla causa a mantenere la propria idea democratica attraverso una Russia più liberale, ma è una strada in salita per queste persone. Non sono la maggioranza nel Paese.Certamente quando si esce da Mosca e San Pietroburgo si trova una popolazione che è molto più conservatrice e soddisfatte dello status quo”, ha concluso l’attivista.

Raduni simili per onorare Nemtsov hanno avuto luogo in molte città in tutta la Russia.

Lo scorso anno, la marcia a Mosca per ricordare Nemtsov aveva attirato migliaia di persone, con i funzionari che stimavano circa 7.500 manifestanti, mentre per altri la cifra più vicina era sui 20.000.

Separatamente, il prominente attivista Ildar Dadin è stato rilasciato domenica da una prigione siberiana, dopo che un tribunale ha annullato la sua accusa.

Dadin, che è stato dichiarato un prigioniero di coscienza da Amnesty International, si è lamentato di torture ed abusi dietro le sbarre.

“Continuerò a lottare contro il regime fascista di Putin e mi batterò affinché i diritti umani siano rispettati in Russia”, ha detto in Dadin.

Gambia, giura il neo presidente

Faustin%20Archange%20Touadera

di Luca Mershed

Subito dopo la transizione pacifica del potere da Barack Obama a Donald Trump negli Stati Uniti, anche in Gambia la crisi che si stava prospettando è stata risolta senza un solo colpo di pistola. L’ex Presidente, Yahya Jammeh, è apparso sulla tv nazionale annunciando la sua decisione “di abbandonare il mantello della leadership”.
La decisione di Jammeh di dimettersi non è stata importante solo per il suo popolo, permettendo di non spingere il Paese in un bagno di sangue per mantenere il potere, ma ha anche fissato un precedente importante in Africa per una transizione pacifica del potere dopo una dittatura pluridecennale .
I comuni disordini politici in Africa sono etichettati come una “maledizione di una sconfitta elettorale autoritaria”. Si tratta di una maledizione che affligge tutti i Paesi con una lunga storia di un regime autoritario dove le domande sul destino del leader uscente durante e dopo il passaggio dei poteri e la transizione da una politica autoritaria ad una democratica restano irrisolti.
Jammeh prese il potere in Gambia nel 1994 attraverso un colpo di Stato militare ed è rimasto alla guida del Paese per 22 anni, venendo regolarmente rieletto in quelle che erano percepite come elezioni scorrette e viziate da brogli. Il 1 ° dicembre, l’avversario delle elezioni del 2016 di Jammeh, Adama Barrow, ha vinto contro ogni pronostico con un vantaggio del 4%: una sconfitta che l’ex Presidente ha, inizialmente, accettato.
La crisi è, invece, cominciata quando, il 9 dicembre, Jammeh ha annullato la sua precedente concessione della sconfitta. Anche se Jammeh ha sostenuto che vi sono state irregolarità elettorali, ciò che lo ha realmente spinto a cambiare la sua idea è stata la sua paura di rappresaglie politiche contro sé stesso da parte dell’opposizione.
Invece di cogliere la concessione della sconfitta di Jammeh come un’opportunità di negoziare una strategia di uscita per garantire il trasferimento pacifico del potere, la politica di vendetta, comune durante le transizioni da un regime autoritario, ha iniziato a insinuarsi nel discorso politico. I membri dell’opposizione hanno cominciato a chiedere di annullare il ritiro del Gambia come membro della Corte Penale Internazionale, rifiutando l’immunità per Jammeh ed il sequestro dei suoi beni.
Jammeh si è gettato all’offensiva, dichiarando lo Stato di emergenza e spingendo il Parlamento ad estendere il suo potere di tre mesi.
La leadership regionale è stata centrale per il successo degli sforzi diplomatici per risolvere la crisi. La Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (ECOWAS) ha preso il comando nel fissare l’agenda e mettere in atto il processo diplomatico che ha coinvolto cinque turni di missioni presidenziali a Banjul (Capitale del Gambia) mobilitando un numero totale di sei Presidenti africani, tra cui il Premio Nobel per la pace, Ellen Johnson Sirleaf , Presidente della Liberia.
A differenza di altri trasferimenti di potere in Africa, ECOWAS ha deciso di non scendere a compromessi ed ha spinto per far rispettare l’esito delle elezioni del 1 dicembre. I suoi sforzi diplomatici hanno, anche, ricevuto un solido sostegno da parte di attori internazionali, come l’Unione Africana, che ha messo in guardia Jammeh di “gravi conseguenze” per i suoi possibili atti, le Nazioni Unite e l’Unione Europea.
Un fattore importante nella risoluzione del successo della crisi è stato che ECOWAS non ha limitato la sua azione solo alla diplomazia, ma ha, anche, sostenuto i suoi sforzi con una minaccia credibile di un’azione militare. Oltre alla sua decisione del vertice del 17 dicembre di “intraprendere tutte le azioni necessarie” – un eufemismo per l’uso della forza – gli Stati membri dell’ECOWAS hanno mobilitato le loro truppe e si sono preparati per entrare nel territorio del Gambia alla scadenza del 19 gennaio, termine fissato a Jammeh per lasciare il potere.
Il crollo del regime di Jammeh dall’interno è stato un importante catalizzatore per la fine rapida e pacifica della situazione di stallo. Le dimissioni del Gabinetto susseguitesi dopo l’abbandono del Vice Presidente di lunga data, Isatou Njie-Saidy, hanno costretto Jammeh a sciogliere del tutto il suo Governo. Anche il Capo militare di Jammeh alla fine ha annunciato che non aveva alcun piano per combattere le truppe di ECOWAS in marcia verso il Gambia.
Cercando di evitare spargimenti di sangue, ECOWAS ha deciso di non dare seguito alla sua minaccia iniziale di garantire l’insediamento di Barrow a Banjul ed ha, invece, optato per una decisione straordinaria facendo giurare il nuovo Presidente del Gambia presso la sua ambasciata nella capitale del Senegal, Dakar, il 19 gennaio.
Questo atto ha sigillato la sconfitta politica di Jammeh, aprendo la strada per l’Unione Africana e gli altri a ritirare il loro riconoscimento di Jammeh e dare il benvenuto a Barrow come legittimo Presidente del Gambia.
Ciò che in definitiva ha garantito la fine pacifica della crisi è stata l’eventuale negoziazione di successo dei termini per l’uscita di Jammeh. In cambio di un trasferimento pacifico del potere al nuovo Presidente, l’ex Presidente ha ricevuto garanzie di una pensione sicura con tutti i vantaggi di cittadino, Capo di Partito ed ex Capo di stato.
In questo modo, il Gambia ha sollevato un importante precedente per altri governanti autoritari, che continuano ad essere al potere a lungo dopo aver perso il sostegno popolare a causa del loro futuro incerto. L’esperienza del Gambia mostra che i dittatori o Governi autoritari possono ottenere un’uscita dignitosa dal potere, se permettono un’elezione libera e giusta.
Il chiaro esempio del Ghana mostra come i partiti di opposizione e la cittadinanza, nei Paesi con leader autoritari, non solo dovrebbero forgiare un’unità durante le elezioni, ma anche dovrebbero lavorare con gli organismi regionali ed internazionali per un’uscita negoziata che garantisca il trasferimento pacifico del potere.
La conclusione è che Adama Barrow ha giurato –dopo averlo fatto a Dakar nell’ambasciata del suo Paese- come presidente sul suolo del Gambia, così da segnare la fine di una situazione di stallo politico con l’ex leader.
Il 18 febbraio, vestito con abiti tradizionali bianchi, Barrow è arrivato allo Stadio dell’Indipendenza a Bakau, una cittadina a 20 km dalla capitale Banjul, dove è stato accolto calorosamente prima di giurare per il nuovo incarico.
Diversi leader mondiali e migliaia di gambiani hanno assistito alla seconda cerimonia di giuramento di Barrow. L’attuale Presidente ha rinnovato il suo impegno nel far rimanere il suo Paese presso la Corte Penale Internazionale (CPI), ricongiungersi al Commonwealth e liberare i prigionieri politici.
Già l’Unione Europea, che aveva tagliato il supporto durante le tensioni con Jammeh, ha recentemente annunciato un pacchetto di 80 mila dollari di assistenza. Boris Johnson, Ministro degli Esteri britannico, ha visitato Barrow martedì, dicendo: “Noi siamo qui per aiutare”. Il Presidente del Senegal, Macky Sall, era tra gli invitati alla cerimonia di giuramento. Altri partecipanti inclusi i leader del Ghana, Liberia, Costa d’Avorio e l’Assistente del Segretario di Stato per gli Affari Africani, Linda Thomas-Greenfield erano presenti allo Stadio dell’Indipendenza: la comunità ha mostrato un’unanime appoggio al nuovo Governo formatosi democraticamente.

Dalle fake news alle fake laws

giornali-300x260

di Vincenzo Vita

Si tratta di leggi infarcite di cattive promesse e cariche  di emotività emergenziale. Un caso di scuola è rappresentato dalla proposta (Atto Senato 2688, depositato lo scorso 7 febbraio) sottoscritta da diversi parlamentari “trasversali” …Leggi tutto »